logo

La nostra Filosofia Ambientale

“La terra non appartiene all'uomo, bensì è l'uomo che appartiene alla terra.
Tutte le cose sono legate fra loro.
Tutto ciò che si fa per la terra lo si fa per i suoi figli.”
Risposta del Capo Indiano Seattle al Presidente degli Stati Uniti Franklin Pierce – 1852.
È da questo sapere che nasce la nostra filosofia ambientale, che consiste nella ricerca di una conoscenza capace di promuovere un effettivo ed armonioso vantaggio all’uomo e all’ambiente.
Il blog Filosofia Ambientale, progetto del Gruppo RM, nasce con l'intento di informare e tenere aggiornati i lettori sul sempre più attuale tema dei sistemi energetici alternativi alle risorse fossili, proponendo uno sviluppo economico sostenibile ad un sempre più ridotto impatto ambientale.
In questo magazine online troverai le ultime notizie inerenti:
- l'energia pulita proveniente da biomassa
- gli incentivi messi a disposizione di privati e aziende per la riqualificazione energetica
- norme e decreti
- eventi
Contattaci

Il tuo nome (required)

La tua e-mail (required)

Subject

Il tuo messaggio

Top
Filosofia Ambientale / Energia da biomassa  / Grassi animali: biomasse utilizzabili

Grassi animali: biomasse utilizzabili

Lo scorso 23 Luglio è entrato in vigore il Decreto Legge 123 firmato dal Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti che inserisce alcuni prodotti, costituiti prevalentemente da grassi di origine animale, nell’elenco delle biomasse a uso combustibile previsto dal Codice dell’Ambiente.

newsfilosofiaambientalegrassianimaliimpiantigrassianimaliscarimacelloenergiatermicaenergiaelettrica-5Tale Decreto consente inoltre di destinare questi materiali alla combustione negli impianti produttivi, anche al di fuori della normativa vigente in materia di rifiuti.

La loro combustione è ammessa a condizione che siano classificati come sottoprodotti di origine animale o prodotti derivati combustibili dai regolamenti UE 1069/2009 142/2011 592/2014 con applicazione di metodi di trasformazione e altre condizioni degli stessi e che vengano i valori limite stabiliti dal decreto con riferimento a 14 parametri tra cui densità, punto di infiammabilità etc.

In questo modo, si sana finalmente un’incongruenza tra regole italiane ed europee che autorizzano da tempo la combustione di grassi animali, mentre in Italia tale processo è stato spesso considerato dalle autorità locali un’operazione di incenerimento di rifiuti, rendendo di fatto una corsa ad ostacoli l’iter autorizzativo.

Per quello che concerne il rispetto e la tutela della Salute Pubblica le norme europee prevedono che i grassi animali fusi, possibili portatori di microrganismi patogeni, debbano essere trattati in caldaie prima del loro uso a temperature di 850°C per 2 secondi o 1.100°C per 0,2 secondi a pressione atmosferica.

E’ facile evincere, in base a questi parametri di riferimento, che in un motore Diesel, dove la temperatura supera i 2.500 °C nella fase di scoppio con concomitanti ed elevate pressioni, il coefficiente di sicurezza commisurato alle norme è oltre 20 e cioè la combustione nel motore Diesel è almeno 20 volte più sicura della combustione in caldaie.

Qui puoi trovare il documento integrale:

newsfilosofiaambientalegazzettaufficialedecretograssianimaliimpiantigrassianimalienergiascartimacello

Edited by Martina Andreoni

No Comments

Post a Comment