logo

La nostra Filosofia Ambientale

“La terra non appartiene all'uomo, bensì è l'uomo che appartiene alla terra.
Tutte le cose sono legate fra loro.
Tutto ciò che si fa per la terra lo si fa per i suoi figli.”
Risposta del Capo Indiano Seattle al Presidente degli Stati Uniti Franklin Pierce – 1852.
È da questo sapere che nasce la nostra filosofia ambientale, che consiste nella ricerca di una conoscenza capace di promuovere un effettivo ed armonioso vantaggio all’uomo e all’ambiente.
Il blog Filosofia Ambientale, progetto del Gruppo RM, nasce con l'intento di informare e tenere aggiornati i lettori sul sempre più attuale tema dei sistemi energetici alternativi alle risorse fossili, proponendo uno sviluppo economico sostenibile ad un sempre più ridotto impatto ambientale.
In questo magazine online troverai le ultime notizie inerenti:
- l'energia pulita proveniente da biomassa
- gli incentivi messi a disposizione di privati e aziende per la riqualificazione energetica
- norme e decreti
- eventi
Contattaci

Il tuo nome (required)

La tua e-mail (required)

Subject

Il tuo messaggio

Top
Filosofia Ambientale / Energia da biomassa  / Convegno BioDea; Un’ alternativa sostenibile per l’ agricoltura
sede crea arezzo

Convegno BioDea; Un’ alternativa sostenibile per l’ agricoltura

Il Biochar e il distillato di legno sono i nuovi prodotti, naturali e organici, che secondo gli esperti, riuniti nella sala della Biodiversità del CREA di Arezzo, renderanno l’agricoltura sostenibile, superando l’utilizzo di pesticidi e fitofarmaci.

Durante il seminario è stata presentata la visione di un’economia circolare; che prende dalla natura le biomasse e restituisce carbone vegetale o Biochar; sequestrando CO₂, e Distillato di legno o Wood Vinegar; un prodotto conosciuto e apprezzato nel Mondo ma pressoché sconosciuto in Italia, con svariati impieghi in agricoltura.

A presentare l’innovazione; una rete di imprese; BioDea che, grazie ad un micro-impianto in funzione produce questi prodotti e, attraverso la collaborazione con le maggiori Università Italiane, ne studia gli effetti in agricoltura.

L’importanza di questi prodotti, soprattutto Biochar e Distillato di Legno, è data dalla loro capacità di fornire un aiuto immediato, naturale e sostenibile all’agricoltura, riducendo o sostituendo l’utilizzo di prodotti chimici con derivati naturali, organici e biologici.

In uno scenario dove la dimensione di impatto di fitofarmaci ha causato desertificazione e impoverimento dei nostri suoli e ha messo in evidenza il problema dei residui di diserbanti nelle acque* questi processi industriali e artigianali possono creare una valida alternativa, all’interno del pensiero dell’economia circolare, con particolare attenzione all’ utilizzo dei prodotti derivati in agricoltura, per una maggiore sostenibilità.

Per quanto riguarda il Biochar i suoi benefici sono stati illustrati attraverso i molteplici studi effettuati ed i casi studio elaborati dall’ Associazione Italiana Biochar; I-Char, con particolare attenzione ai benefici a lungo termine come la mitigazione degli eventi climatici ed il risparmio idrico.

Mentre per il Wood Vinegar; noto anche come Acido Pirolegnoso o Aceto di Legno, per molti una scoperta ma che in realtà viene prodotto già da molti anni, con metodi tradizionali, soprattutto in alcuni paesi dell’Asia. Il liquido estratto dalla biomassa, attraverso la carbonizzazione, contiene più di 200 composti naturali e viene utilizzato in agricoltura, vantando una dimensione globale di mercato stimata in 3,7 milioni di dollari nel 2016.

Il Wood Vinegar è prodotto con metodi sostenibili e può essere usato come pesticida biologico e come foraggio per animali e sta dimostrando di essere un sostituto attraente per prodotti chimici sintetici.

Di seguito il reportage dell’evento:

convegno biodea

Convegno BioDea 12/04/2019 presso la Sala della Biodiversità – CREA Arezzo, viale Santa Margherita, 80 (AR)

 

*Rapporto dell’Ispra 2016 Su 1469 punti di monitoraggio delle acque superficiali, il 17,2 % ha mostrato concentrazioni superiori ai limiti. Nelle acque sotterranee, su 2145 punti i superamenti sono stati il 6,3%. Il glifosato è la sostanza che più spesso supera i limiti.

Edited by Martina Andreoni

No Comments

Post a Comment